hitchocock e renoir

Le Grand Alibi
di Pascal Bonitzer
France, 2008
Produzione Said Ben Said
1h33

Potrebbe sembrare a qualcuno che Le Grand Alibi pecchi di manierismo. Ma l'ultimo film di Pascal Bonitzer Ŕ un inno cinefilo sobrio, colto, leggero, e per niente erudito, al cinema di Hitchcock e di Renoir. Tratta da un romanzo di Agatha Christie, la storia Ŕ un pretesto per un film in cui la meccanica del crimine non ha alcun peso: tutto l'interesse del regista si concentra sulle dinamiche dei rapporti tra i personaggi, sulle complesse dinamiche che ironicamente intrecciano desiderio, conformismo, fobia... E il cast necessario per un gioco costruito allo stesso tempo sullo spessore psicologico e sull'archetipicitÓ dei personaggi Ŕ interamente presente: il gioco di specchi e specchi avviene tra una Valeria Bruni Tedeschi che si reinventa in modo straordinario, un Pierre Arditi e un Lambert Wilson che fanno tesoro della teatralitÓ sperimentata con Resnais, una Anne Consigny finalmente riapparsa sugli schermi.
Il crimine perfetto tra La Regola del gioco e La donna che visse due volte: sembra questa la traccia per un gioco di gruppo tra i pi¨ grandi attori francesi, inventato in una domenica primaverile, a Parigi, nel 2008. Un gioco en giocato, pieno di una gioia semplice, sincera e di un divertimento mai compiaciuto.

maria guidone